Piazza affari: il ritorno di Italgas

Grandi novità per chi segue con interesse i mercati azionari e le vicende delle aziende italiane quotate a Piazza Affari. A 13 anni dal delisting, Italgas torna infatti in Borsa. E lo fa nel migliore dei modi: il titolo Italgas ha aperto a quota 4,062 euro, mentre Snam – dalla quale Italgas è stata scorporata – ha aperto con un prezzo di 3,84 euro, con un calo di 15 punti percentuale.

Alla cerimonia organizzata per l’atteso ritorno è intervenuto l’ad di Borsa Italiana, Raffaele Jerusalmi, il quale ha spiegato che si tratta di un momento eccezionale:

Italgas è una azienda con una storia di 180 anni alle spalle, ma proiettata nel futuro.

ritorno di italgasEvidente il richiamo ad una vicenda finanziaria iniziata nel lontano 1851, quando la società venne quotata alla Borsa del Regno di Sardegna, poi divenuta Piazza Affari. Ma chiaro anche l’intento di sottolineare le speranze per il futuro.

Secondo gli analisti di Banca Akros, Italgas vale 4,35 euro per azione: scenario base che non tiene conto di alcun contributo derivante dalle gare per la distribuzione di gas. Alla vigilia del debutto, l’amministratore delegato di Italgas, Paolo Gallo, ha spiegato che “anche attraverso questa quotazione puntiamo a raggiungere il 40% della quota di mercato rispetto al 30% attuale”. Per il presidente della società, Lorenzo Bini Smaghi, si è trattato di un processo “facilissimo perché eravamo in famiglia”.

Italgas è arrivata alla quotazione in Borsa dopo lo scorporo da Snam. L’assemblea dei soci qualche mese fa ha dato il via all’operazione assegnando un’azione Italgas ogni cinque azioni Snam possedute. Dunque Italgas – che prima era partecipata al 100% da Snam – è finita in una newco che vede Cdp nelle vesti di azionista di maggioranza relativa (26%), mentre Snam è al 13,5%. La quota restante (il 60,5%) sarà terreno di conquista per il mercato.

Il debutto a Piazza Affari è arrivato in concomitanza con l’inizio delle gare con cui si rinnoveranno le concessioni locali per la distribuzione del metano in tutta Italia.

Le gare sono un’occasione importante per Italgas e per la sua crescita, ma lo sono anche per il Paese, – ha detto l’ad Gallo. – Il settore della distribuzione locale è ancora troppo frammentato in Italia. Il processo di consolidamento porterà a una maggiore qualità del servizio, più efficienza e un aumento complessivo degli investimenti. Inoltre, essendo gare, non ci sono vincoli antitrust e vince chi fa l’offerta migliore, in nome di una competizione aperta tra tutti gli operatori.

Leave a Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi